Amedeo
SYMBIOSYS OF
PURPOSE & STYLE
Follow us

Search

MASI Lugano, LAC

 

Julian Charrière. Towards No Earthly Pole
Lugano, 27 ottobre 2019 – 15 marzo 2020

Da settembre 2015 ad oggi abbiamo seguito la comunicazione per l’Italia di tutte le mostre in programmazione al MASI Lugano, dall’arte contemporanea e moderna alla fotografia alle opere della collezione.
Giovane artista svizzero tra i più innovativi e promettenti della sua generazione, Julian Charrière si è imposto sin da subito sulla scena dell’arte contemporanea come un esploratore moderno, noto per una ricerca artistica concettuale che attraversa e combina varie discipline, dalla geologia all’archeologia, dalla fisica alla storia. Padroneggiando performance, scultura, fotografia e video, il suo lavoro offre nuovi e inaspettati punti di vista su alcune delle questioni al centro della nostra epoca e dell’umanità in generale. L’artista è spesso in viaggio, recandosi nelle aree più remote del pianeta con forte identità geopolitica – ad esempio vulcani, ghiacciai, siti radioattivi –, per esplorare con metodi e materiali non convenzionali le tensioni e l’inestricabile legame tra civiltà umana e paesaggio naturale.

J. Charriäre_Towards No Earthly Pole, 2019 ∏Julian Charriäre; ProLitteris 2019, Zurich.jpg

J. Charriäre_Towards No Earthly Pole, 2019 ∏Julian Charriäre; ProLitteris 2019, Zurich.jpg

L’idea del progetto Towards No Earthly Pole nasce nel 2017 quando Charrière è invitato su una nave di ricercatori russi a percorrere il canale di Drake, tra capo Horn e le isole Shetland Meridionali. L’impatto concreto con il paesaggio dell’Antartide e il confronto con la storia delle esplorazioni di inizio Novecento hanno dato avvio all’opera, portandolo poi sui ghiacciai svizzeri del Rodano e dell’Aletsch, sul Monte Bianco, in Islanda e in Groenlandia.
A cura di Francesca Benini e organizzata in collaborazione con Aargauer Kunsthaus, Aarau, l’esposizione Towards No Earthly Pole è stata concepita intorno all’omonima e inedita opera video, per la realizzazione della quale l’artista ha esplorato località remote dalle condizioni climatiche estremamente ostili.

Attività: consulenza strategica, ufficio stampa, media planning, influencer marketing.