Collezione Christian Stein
Una storia dell’arte italiana

Museo Cantonale d’Arte, Lugano 11/03/2011 - 22/05/2011

Il Museo Cantonale d’Arte di Lugano presenta dal 12 marzo al 22 maggio 2011 l’esposizione Collezione Christian Stein. Una storia dell’arte italiana, una selezione di circa cento capolavori dell’arte italiana del dopoguerra. La mostra è realizzata in coproduzione con l’IVAM, Institut Valencià d’Art Modern di Valencia. L’iniziativa si iscrive nella linea espositiva del Museo Cantonale d’Arte dedicata al collezionismo e, al contempo, in quella rivolta all’arte italiana dagli anni Cinquanta ad oggi. La Galleria Christian Stein fu fondata da Margherita Stein nel 1966 a Torino dove iniziò da subito a rappresentare, tra gli altri, quegli artisti che furono poi inscritti nella fortunata denominazione di Arte povera, formulata da Germano Celant. Aprì in seguito, negli anni ottanta, nuovi spazi a Milano e, per qualche stagione, a New York. La Galleria è tuttora attiva a Milano. Margherita Stein, nota con il nome di Christian, scomparsa nel 2003, fu un’esponente di spicco della tradizione dei galleristi-collezionisti, preferì infatti conservare le opere che più la appassionavano piuttosto che limitarsi ad alimentare il mercato dell’arte. A caratterizzare la sua attività fu, inoltre, lo straordinario rapporto instaurato con gli artisti, amicizie rimaste intatte per quarant’anni. In mostra sono presenti circa cento opere selezionate tra le molte, raramente esposte o, al contrario, cedute in seguito ai migliori musei del mondo. Cento opere che evocano e ripercorrono la storia della Collezione Stein, mitica narrazione di un momento irripetibile della storia culturale europea. L’esposizione propone monocromi di Manzoni e Lo Savio, sculture di Melotti, tagli di Fontana, una scultura di Colla, cementi armati di Uncini, “manifesti” di una nuova radicalità, che narrano gli anni cinquanta e sessanta di una Italia intrisa di storia classica e, al contempo, immersa nella contemporaneità del dopoguerra e del boom economico. Una collezione attraverso cui scoprire l’arte italiana nei suoi aspetti emblematici: l’eredità e le relazioni con le avanguardie storiche, le risposte all’ascesa dell’arte americana, un modo radicalmente diverso, peculiarmente italiano, di guardare alla storia dell’arte e di vivere la cultura dell’epoca.