BASE MILANO ALLA DESIGN WEEK 2019: UN-learn/RE-learn. Al via la nuova collaborazione con Ventura Projects

BASE Milano, Via Bergognone 34 09/04/2019 - 14/04/2019

Futuro e apprendimento sono le parole chiave che accompagnano BASE Milano verso la prossima Design Week 2019, ricca di sperimentazione e novità, a partire dall’avvio della partnership con Ventura Projects per l’evento Ventura Future e dai nuovi progetti prodotti da BASE. Fra questi: ‘UN-learn/RE-learn’, il percorso ‘dis-istruttivo’ con installazioni, talk ed esperienze realizzate tra gli altri da Italo Rota con Marco Cadioli, Salottobuono, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, Stefano Mirti e Super – Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco per immaginare nuove forme di apprendimento future, e il ‘Design Confession’, ideato in collaborazione con Ventura Projects e l’Officina Grafica di Super – Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco , luogo d’incontro e confronto tra mentori e giovani aspiranti designer. Nell’officinaBASE sarà inoltre possibile partecipare a un programma di workshop “Learning by doing” con professionisti del settore.

Un connubio, quello tra BASE e Ventura Projects, che scaturisce da un comune DNA fatto di ricerca e innovazione. Da un lato, un importante progetto culturale di rigenerazione urbana, oggi divenuto punto di riferimento e acceleratore per le industrie creative; dall’altro una realtà che si è da sempre contraddistinta per la capacità di esplorare nuove idee ed estetiche nel panorama del design globale. Insieme portano nel cuore del distretto Tortona alcune delle più interessanti sperimentazioni e riflessioni contemporanee a cavallo fra design, società e apprendimento.

Dalla mattina, per tutto il giorno, e fino a sera inoltrata, il design sarà al centro di BASE e di un’intera città, che qui troverà centinaia di progetti, installazioni, talk, suggestioni, provocazioni, novità, per interrogarsi sul futuro, cercare (e magari trovare) risposte, scoprire, imparare, divertirsi e vivere una delle settimane più intense per la Milano di oggi, sempre più internazionale e in continua evoluzione.

UN-learn/RE-learn
Dopo le mostre Design Nomade e Trouble Making. Who’s Making the City?, presentate alle ultime edizioni del Fuorisalone, con il progetto UN-learn/RE-learn BASE Milano prosegue il suo percorso di indagine attraverso il design, forte della propria vocazione di “Learning Machine”: un grande organismo per l’apprendimento e laboratorio di formazione permanente al servizio della città, dei professionisti delle industrie creative e del quartiere, capace di mettere in dialogo comunità creative diverse per assorbire, condividere e ritrasformare reciproci contenuti e contaminazioni in ambiti differenti.

Per la Design Week 2019, BASE chiama infatti a raccolta designer, pensatori, artisti e innovatori – fra loro diversi e complementari – in un percorso interattivo tra domande e installazioni, talk ed esperienze, realizzate tra gli altri da Italo Rota con Marco Cadioli, Salottobuono, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, Stefano Mirti e Super – Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco. Obiettivo: indagare e immaginare nuovi processi, luoghi e forme dell’apprendimento per mettere in discussione gli schemi del presente e ridisegnare un futuro in cui il settore culturale e creativo sia motore di innovazione. Ciascuna realtà porterà il proprio angolo visuale sul tema, ponendo domande, provocando risposte, per farci riflettere, non sul ‘cosa’, ma sul ‘come’.

“Nel momento in cui tutto cambia, quando tecnologie e nuove idee mettono in discussione ciò che sembrava acquisito, è facile irrigidirsi e rimanere ancorati al passato. Proprio per questo diventa più che mai urgente disimparare per poter re-imparare, guardando al futuro con un approccio nuovo. Apprendere, infatti, non può più significare solo acquisire informazioni e competenze, ma soprattutto imparare a riconoscere, nella complessità e prima degli altri, idee e opportunità che risulteranno vincenti” – Giulia Cugnasca, Direttore Operativo BASE Milano.

Sarà una mostra che cambia forma, UN-learn/RE-learn.
Di giorno, darà il tempo per indagare le trasformazioni, per incuriosire con le domande poste dai designer in mostra, aprire prospettive e connessioni inaspettate con nuove sinapsi.
Al tramonto, lascerà il tempo di sedersi, sedimentare le idee, dare spazio al confronto, al dibattito, e mettere in discussione quanto imparato e dis-imparato. A completare l’esperienza, vi sarà infatti un programma di conversazioni, talk e workshop, che aprono all’interazione con il pubblico.
La sera, lo spazio si aprirà con sessioni di networking informale e musica, che riempirà la piazza al coperto di BASE.